A riguardo
L’entrata in vigore del Codice dei Contratti (Dlgs 18 aprile 2016, n. 50), che all’art. 34 sancisce l’obbligo di adozione per il 100% del valore del servizio di pulizia dei Criteri Ambientali Minimi (CAM), ha posto le imprese di pulizia di fronte alla necessità di compiere il massimo sforzo per caratterizzarsi sia in termini ambientali che sociali.
Le stazioni appaltanti, alla luce del quadro normativo attuale, devono inserire requisiti ambientali nelle procedure di gara almeno inerenti le specifiche tecniche di base e le clausole contrattuali come definite dal DM 29 gennaio 2021, che approva i nuovi CAM per il servizio di pulizia in ambito civile e sanitario.
Il settore del cleaning professionale in Italia è caratterizzato da una significativa diffusione della Certificazione Ecolabel UE per il servizio di pulizia. Questa certificazione si cala in un contesto normativo molto favorevole in quanto le stazioni appaltanti possono utilizzare il marchio Ecolabel UE su prodotti e servizi come criterio premiante delle offerte (art. 95 del Codice dei Contratti) e come strumento esclusivo di conformità ai criteri ambientali richiesti nel capitolato (art. 69 del Codice dei Contratti). Inoltre, elemento di non poca importanza, le imprese di pulizia in possesso della certificazione Ecolabel UE hanno diritto ad una riduzione del deposito cauzionale del 20% (art. 93 del Codice dei Contratti).

Il live webinar, a distanza di oltre un anno e mezzo dall’entrata in vigore della nuova normativa, si propone di fare il punto con autorevoli esperti sullo stato di attuazione della normativa, analizzando opportunità e criticità emerse in questo arco di tempo.
Quando
Venerdì, 30/09/2022 · 16:30 Rome (GMT +2:00)
Programma
  • Nuovi CAM per i servizi ospedalieri e di pulizia: il punto della situazione -- PAOLO FABBRI, presidente Punto 3, Progetti per lo Sviluppo Sostenibile
  • L’importanza di far leva sul valore dell’offerta -- MONICA MAZZOLI, responsabile Comunicazione & Marketing e Responsabile del Bilancio di Sostenibilità, L'Operosa Spa
  • Il piano regionale della Regione Liguria per il Green Public Procurement (GPP) -- NADIA GALLUZZO, Liguria Ricerche
  • con l'intervento di MATTEO MARINO, Consiglio Direttivo AFIDAMP
Presentatori
M
Matteo Marino
N
Nadia Galluzzo
M
Monica Mazzoli
P
Paolo Fabbri